Riforma della scuola: il maleficio dell’immobilismo.

Uno studio di Alessandra Cenerini, Presidente dell’Associazione docenti italiani (Adi), illuminante per conoscere l’immobilismo che penalizza la scuola italiana.

 

Una storia di fallimenti

85 anni dopo Gentile, il 38° rinvio della riforma delle superiori

di Alessandra Cenerini (Presidente Associazione nazionale docenti – Adi)

 

Un maleficio da esorcizzare (dal cap.1)

A 85 anni dalla riforma Gentile e dopo 37 tentativi incompiuti di riforma della secondaria superiore, l’11 dicembre 2008 il ministro Gelmini ha firmato con le Organizzazioni sindacali il 38° fallimento.

Avevamo per un attimo creduto che l’eccezionalità della crisi mondiale spingesse il governo e tutte le forze politiche e sociali ad un atto di responsabilità, decidendo di rilanciarel’istruzione secondaria, in particolare quella tecnica, senza ulteriori indugi. Ci siamo sbagliati, nemmeno questo è stato sufficiente per rompere vecchi immobilismi, antichi schemi ideologici e noti corporativismi.

Non ne neghiamo la fondatezza delle preoccupazioni di docenti e dirigenti di fronte ad un’operazione affrettata (per quanto in discussione da 50 anni), ma rimaniamo convinti che questo nuovo tentativo, per quanto parziale, per quanto criticabile, dovesse andare in porto.

Occorreva spezzare il filo di questa kafkiana storia di un Paese che non è riuscito in 85 anni e un passaggio di millennio a fare una riforma ordinamentale della scuola secondaria di 2° grado, ma che è riuscito a totalizzare il record planetario di 800 corsi sperimentali oltre ai 97 ordinamentali.

 

Tutto il documento in www.adiscuola.it

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...